Arche anabar in Sienne Pelle Nabuk Arche Piatte 8cbdf3

Nike WMNS Air Max Zero 0 Donna lifestyle scarpe da ginnastica NEW sunset tint 857661-601,

REBECCA VAN DIK Donna NERO LC773RASOCAM-NE,JBU Donna ONTARIO WATERPROOF BEGAN NUBUCK LEATHER WARM DUCK BOOT BROWN NAVY TANNike Free RN GS Run Turquoise Green Kid Youth Donna Running Shoes 833993-300,Occident Donna Pointy Toe Stiletto High Heel Real Pelle Mid Calf Stivali Plus SZ REBECCA VAN DIK Donna Anfibi NERO/PIOMBO Pelle naturale D206 REBECCA VAN DIK Donna NERO Pelle naturale 473762COTT-NELegero Marina, Donna, Grigio (Lavagna 98), 37.5 EU (Q7B),Donna Padders stile GALAXY 2-wAdidas Zx Flux Basse Unisex – Adulto, Verde (VapourGladiator Donna Peepoe Cut Out High Heel Knee High Stivali Roma Sandals Shoes Size,Donna Retro Pelle Ankle Stivali Zipper Round Toe Block Mid Heeled Casual Shoes,Gadea Silk, col Tacco Punta Chiusa Donna, Marrone (Noce), 40 EU (T1i),SUN 68 SUN68 ALLY SOLID NYLON Z28201 34 grigio medio scarpe da ginnastica scarpe donna AI/19Pyrex donna Running in lycra e glitter PY18528, grafia Donna Nero Pelle Naturale W 0322 ANAP-neKickersTokali Sandali Donna, Nero (Nero), 41 EU (u0A),Van DAL con apertura sulla punta zeppa Daly,CLARKS Moscow Monetina Pelle Nera Donna Allacciate StivalettoForesta alfiere Slipper Haga 305303-310-001 Nero,NEW BALANCE 530 W530CEA ROSSO scarpe da ginnastica scarpa donna,Remonte Stivaletti Stivali r3494-01 NERO (nuovo),Sandalo PONS QUINTANA 5069 M00, Color Nero,'Hero Unicorn' Running Shoes(Uomo/Donna)-3D Print-Free Shipping,Fabulicious Plateau Sandali Selene 24 Nero donna INVICTA 39 EU scarpe da ginnastica bianco camoscio tessuto AB57-EDonna Merrell All Out Fuoco 2Tamaris 25321, Stivali Donna, Rosso (Merlot/Mocca), 38 EU (H9Y),GEOX DONNA SCARPA SNEAKER CASUAL TEMPO LIBERO MIMETICO ART. D3429B 000BS C3026,Si sforzano Florida Donna in Pelle Metallizzato Antracite Slip On da ginnastica,Sorel Joanie Lace BRIGHT RED Donna Suede zeppe peep-toe closed-back shoes,

Il Regista, o Addetto alla Regia, è il responsabile tecnico-artistico di un’opera audiovisiva, che può appartenere a diversi possibili ambiti: non solo cinematografico, ma anche teatrale, televisivo, radiofonico, documentaristico, videoludico.

Quali sono i suoi obiettivi professionali?

Dirigendo e coordinando un’équipe tecnico-artistica e costituita da autori, sceneggiatori, scenografi, attori, costumisti, addetti alle riprese e tecnici audio, il Regista ha l’obiettivo di garantire la qualità dell’opera audiovisiva nel suo complesso.

Quali mansioni ricopre?

Il Regista si occupa innanzitutto, insieme al produttore, di definire il budget da utilizzare e le tempistiche di realizzazione dell’opera.

Procede quindi alla selezione del casting di attori, degli operatori tecnici (cameramen, montatori, tecnici audio, ecc) e dei collaboratori artistici.

Spetta al Regista anche il compito di validare la sceneggiatura e collaborare con lo sceneggiatore per apportare modifiche, migliorare i punti di debolezza e giungere alla versione definitiva della sceneggiatura stessa (sia dal punto di vista letterario che delle inquadrature).

Una volta iniziate le riprese, oltre a dirigere l’equipe tecnico-artistica, deve verificare la qualità del girato giornaliero, per poter intervenire con azioni correttive qualora fosse necessario. In corso d’opera può succedere talvolta che concordi con lo sceneggiatore qualche modifica del copione.

Al termine delle riprese, il Regista supervisiona e coordina le attività di montaggio, occupandosi anche della relazione tra elementi audio e video (eventualmente anche di supervisionare il doppiaggio).

È suo compito anche predisporre accurati controlli sull’esattezza di titoli, sottotitoli, didascalie, nonché seguire la stampa delle pellicole.

Quali sono le competenze che deve avere?

Tra le competenze tecniche che un Regista dovrebbe possedere, ci sono sicuramente: una buona conoscenza delle arti figurative, della storia del teatro, del cinema, della tv e dello spettacolo in generale; un’ottima conoscenza delle tecniche e degli stili di regia; buoni elementi di sceneggiatura; una buona padronanza delle attrezzature tecniche di ripresa.

Tra le soft skills di cui dovrebbe essere dotato un Regista, invece, bisogna sottolineare: capacità organizzative e decisionali, capacità di leadership, creatività e inventiva, autocontrollo e capacità di gestione delle situazioni di stress.

È molto importante, nella maggior parte dei casi, che conosca bene la lingua inglese.

Arche  anabar in Sienne Pelle Nabuk  Arche  Piatte 8cbdf3

Qual è il percorso di formazione più adeguato?

Per potersi avvicinare alla professione di regista non è indispensabile la laurea, anche se l’importanza di un’ampia preparazione culturale per questo mestiere potrebbe suggerire la frequenza di almeno un corso triennale in una facoltà umanistica, ad esempio con un indirizzo in storia dello spettacolo e del cinema.

È comunque necessario possedere una formazione specifica, conseguita in genere presso una scuola di recitazione o d’arte drammatica, una scuola di cinema o un’accademia.

A Milano la scelta è ampia: sono valide opzioni il SAE Institute, con un portfolio completo di corsi e campus attivi in tutto il mondo, la Civica Scuola di Cinema Luchino Visconti, un’istituzione, la Scuola Mohole, che vanta tra gli indirizzi un corso in filmmaking.

Tra le scelte possibili ci sono anche il Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma, con alcune sedi distaccate in Abruzzo, Lombardia, Piemonte e Sicilia, la Scuola Holden di Torino e l’Accademia Nazionale del Cinema a Bologna.

La professione si apprende principalmente con la gavetta sul campo, nella maggior parte dei casi si inizia ricoprendo il ruolo di aiuto-regista.

Dove lavora?

Il Regista può essere un lavoratore autonomo oppure, più raramente, dipendente (ad esempio nel caso in cui faccia parte di una compagnia teatrale o lavori in società di produzione televisive o cinematografiche, o in agenzie di produzione di video pubblicitari o musicali).

Quanto può guadagnare?

È impossibile calcolare il guadagno medio di un Regista, in quanto si tratta di una professione che presenta una forte variabilità sul fronte retributivo, determinata dalle possibili differenze di settore in settore (ad esempio un regista cinematografico generalmente guadagna di più di un regista televisivo o teatrale), ma anche dal livello di fama raggiunto e da altri fattori.

Quali sono le prospettive di crescita professionale?

La crescita professionale di un Regista coincide generalmente con l’acquisizione di una progressiva fama e con un conseguente aumento di richieste e di compenso per il proprio lavoro.

In altri casi l’evoluzione si può verificare con un cambiamento di settore, ad esempio alcuni registi televisivi cominciano ad occuparsi di cinema o viceversa.